Approvati in criteri del Bando Brevetti 2023, aperto dal 25 gennaio al 26 luglio 2024, che conterà su uno stanziamento di 2,5 milioni di euro del PR FESR di Regione Lombardia - in crescita rispetto al milione stanziato per il Bando Brevetti 2021 - per assicurare lo sviluppo e la tutela della capacità innovativa del sistema delle imprese. Nonostante la flessione generalizzata delle domande di brevetto, infatti, nel 2022 Regione si è confermata la prima italiana e tra le più vivaci in Europa per numero di brevetti presentati allo European Patent Office (EPO): 1.547 le domande presentate, quasi il 32% del totale nazionale, con un tasso di crescita dal 2015 pari al 10,5%.

L’agevolazione prevista è un contributo a fondo perduto pari all’80% dei costi forfettari, e varierà a seconda del tipo di brevetto: 5.680 euro per il deposito di una domanda di brevetto o estenzione in europa (anche nella nuova opzione di brevetto europeo con effetto unitario entrato in vigore il 1° giugno 2023); 7.200 euro per un nuovo brevetto o estensione internazionale.

Il contributo sale al 90% dei costi forfettari e arriva rispettivamente a 6.390 euro per il brevetto europeo e 8.100 euro per il brevetto internazionale per coloro che acquisiscono una certificazione ambientale e/o energetica e/o di processo o prodotto.

Il bando è rivolto a liberi professionisti e PMI su tutto il territorio regionale. Gli interventi devono essere realizzati e avere ricadute in Lombardia e portare un valore aggiunto nell’ambito delle priorità previste dalla Strategia di Specializzazione Intelligente per la Ricerca e l’Innovazione di Regione Lombardia. I progetti devono essere realizzati e rendicontati entro il termine di 24 mesi dalla concessione.

 

Data ultima modifica: 14/02/2024